skip to Main Content
La Sezione Aurea Nell’arte E Design

La Sezione Aurea nell’arte e design

La Sezione Aurea nell’arte e design

Esiste un rapporto matematico che si trova frequentemente in natura, il rapporto di 1:1,618, la Sezione Aurea è il nome attribuito a questo rapporto e utilizzato più sovente, ma a volte è anche indicato come numero aureo, Divina Proporzione, proporzione aurea, Sequenza di Fibonacci, e φ.

La sezione Aurea o rapporto aureo può essere rappresentato come un unico grande rettangolo formato da un quadrato e un altro rettangolo.
Questa sequenza non ha eguali nel suo genere e può essere ripetuta all’infinito, sempre perfettamente, all’interno di ogni sezione. Questa sequenza inoltre può essere rappresentata come una spirale.

Le sue proprietà geometriche e matematiche e la frequente riproposizione in svariati contesti naturali e culturali, apparentemente non collegati tra loro, hanno suscitato per secoli nella mente dell’uomo la conferma dell’esistenza di un rapporto tra l’universo e la natura: un rapporto tra il tutto e la parte, tra la parte più grande e quella più piccola che si ripete all’infinito attraverso infinite suddivisioni.

La spirale aurea è universalmente riconosciuta come principio per una buona struttura armoniosa e di design.

Il rapporto aureo in arte e architettura

Utilizzato nell’arte, il rapporto aureo aiuta gli artisti nella loro composizione, infatti creando immagini o scene basate su questo rettangolo aureo i nostri lavori saranno più gradevoli per l’occhio umano, il motivo non è chiaro, ma pare che l’occhio umano sia portato per natura a riconoscere questo rapporto (esistente anche nel nostro DNA!)provate a cercare su google: “Sezione aurea + dna”.

Gli antichi greci forse lo usarono nella costruzione del Partenone. Inoltre molti artisti e matematici del Rinascimento tra cui Leonardo da Vinci, Piero della Francesca, Bernardino Luini e Sandro Botticelli rimasero molto affascinati e ispirati dalla sezione aurea.
Conosciuta in quei tempi come divina proportione, veniva considerata quasi la chiave magica dell’armonia nelle arti e nelle scienze.

Utilizzando la sezione aurea nei suoi dipinti Leonardo scoprì che, guardando le opere, si poteva creare un sentimento di ordine.
In particolare Leonardo incorporò il rapporto aureo in tre dei suoi capolavori: La Gioconda, L’ultima cena e L’Uomo di Vitruvio.

Il rapporto aureo nel Logo Design

Stra-utilizzato nel graphic design il rapporto aureo, dona sempre armonia e completezza al lavoro del designer e sono molti gli esempi di loghi creati utilizzando questo magico rapporto. A proposito di loghi avete letto questo articolo?

Il rapporto aureo nella Fotografia

Anche i nostri amici fotografi utilizzano spesso questa tecnica, utilizzata sovente per ritagliare l’immagine con proporzioni armoniche tra sfondo e soggetto.

Creare un rettangolo “Aureo”…..senza calcolatrice…

Ottenere un rettangolo aureo è tutt’altro che difficile esso infatti si puo’ ottenere anche senza l’ausilio di particolari strumenti:

1. Iniziare con un quadrato.

2. Ora tracciamo una linea di divisione a metà (formando due rettangoli).

3. Ora consideriamo uno dei due rettangoli e tracciamo una linea che va dall’angolo in basso, a quello in alto.

4. Proiettare la diagonale risultante sul fondo del quadrato.

5. Concludete il rettangolo utilizzando tale lunghezza diagonale come base per il lato lungo del rettangolo aureo.

Punti focali all’interno di un rettangolo aureo

Ogni quadrato o rettangolo (ma in particolare quelli basati sul rapporto aureo) contengono al loro interno le aree che attirano maggiormente la nostra attenzione visiva, chiamati punti focali o occhi del rettangolo.

Ecco come trovare questi punti focali:

1. Disegnate le due diagonali, si incontreranno esattamente al centro.

2. Individuate il punto a metà tra ogni angolo e il centro, dove si intersecano le diagonali.

Questi punti segnalati in rosso, sono chiamati “punti focali del rettangolo aureo.”

Come utilizzare i punti focali di un rettangolo aureo

Una strategia spesso utilizzata dai grafici o dagli artisti è quella di individuare i punti focali o aree di enfasi intorno e dentro questi “occhi” o punti focali, creando un percorso di forte impatto visivo nelle loro composizioni.

Come si usa il rapporto aureo o questi “punti focali” per indirizzare lo sguardo di uno spettatore è limitato soltanto dall’immaginazione dell’artista o la vostra, trovate nuovi espedienti sperimentate, in fondo le regole vanno studiate, utilizzate, infrante.

Provate ad usare la spirale aurea e i punti focali nel vostro prossimo lavoro e vedrete che differenza nella forza della composizione.

 

Hai ancora qualche dubbio sull’utilizzo della sezione aurea nell’arte e design?

Vuoi approfondire l’argomento o hai ancora qualche dubbio?

Contattami! Sarò lieto di rispondere ai tuoi quesiti

Con l’invio del presente modulo si acconsente al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto secondo le condizioni espresse nella pagina d’ informativa sulla privacy

[recaptcha]

Back To Top